Le storie

Stefania

55 anni, diagnosi a 53

Ero una persona attenta a far sì che tutto andasse sempre bene, senza imperfezioni, evitando, a volte, di esprimere il mio pensiero per non creare dissapori. Da circa vent’anni seguivo uno stile di vita e un’alimentazione sani, per evitare problemi di salute.

Mentre facevo un controllo al seno con l’autopalpazione ho sentito tra le dita un piccolo nodulo. Ho fatto gli accertamenti. Il medico mi ha chiamato nel suo studio per consegnarmi gli esiti di persona: “cancro”. Ho sentito la paura. La paura di morire, del dolore fisico che avrei dovuto sopportare e la sensazione che il tempo stesse fuggendo via. Mi sono sentita travolta da un fiume in piena: intervento, radioterapia e terapia ormonale per evitare recidive, un percorso che durerà sette anni.

Qualche volta ho avuto voglia di mollare tutto e farmi trascinare dalla corrente, ma poi, ho trovato tre rami molto robusti a cui aggrapparmi: mio marito Angelo e le mie figlie Chiara e Alice. E poi le amiche, non si può superare una situazione simile da sole.


Client:
Date: aprile 20, 2018
Service: